"Non conosciamo mai la nostra altezza
finché non siamo chiamati ad alzarci.
E se siamo fedeli al nostro compito
arriva al cielo la nostra statura"

E.Dickinson

Perchè il Sito

Nel Giugno di dieci anni fa, compivo cinquant’anni e diedi una gran bella festa.
Sembrava tutto fantastico e le fatiche e i travagli dei lunghi anni precedenti, allietati da nascite, incontri e altrettanti momenti memorabili, apparivano come un grande, unitario e, assieme, ragionevole, se pur sempre ricco di giusto senso del Mistero, scenario.


 

fiori secchi
Lettere d'amore: cronache di una santità annunciata

Venerdì prossimo cadrà un anniversario di nozze celebrate tanto tempo fa, in una delle più celebri e belle chiese romane.

Carla Vites - Parco Sempione 2014
Autunno

Un autore capitato per caso tra i miei libri narra la vita della propria nonna, coetanea della mia bisnonna.
Sempre per caso, questo libro si troverà tra le mie mani proprio in un giorno d’autunno e con una dedica autografa, datata all’anno stesso della mia nascita.

Stanislav_Yulianovich_Polish_1873-1944_-_Moonlit_room
Sull'angolo del baule disfatto

Quante volte ci siamo ritrovati seduti sull’angolo del nostro baule disfatto.

Da Le côté des Guermantes. (Prima notte a Doncières. Un albergo fiabesco e rassicurante), di Marcel Proust.

Anatolii-Stepanov-301-War-in-Ukraine
Narrazioni che uccidono

Jeffrey Sachs, uno dei più importanti economisti americani, professore e direttore del Dipartimento per lo Sviluppo sostenibile della Columbia University, è stato consigliere di tre segretari generali dell’ONU e domenica al Forum di Roma organizzato dalla comunità di sant’Egidio ha spiegato alcune cose di non proprio minima importanza.

Carla Vites articolo ottobre 2022
Com'è bello il mondo e com'è grande Dio.
Giussani, un sacerdote a cavallo di due epoche
IV

La Chiesa post-concilio, e il sacerdote don Giussani nella fase due della sua vita, se pure in maniera - rispetto ad altri- più vincolata alla tradizione della Chiesa, hanno come obiettivo sostanziale il ‘dialogo’.

Mario Giacomelli, Io non ho nessuno che mi accarezzi il volto, 1953-63
Com'è bello il mondo e com'è grande Dio.
Giussani, un sacerdote a cavallo di due epoche
III

I giovani adolescenti in talare che sciamano correndo a fine lezione nel cortile di Venegono gridando “Deissmann! Deissmann!” - come ricorda Giussani, fissando nella memoria probabilmente solo un nome degli almeno due che nel ’36 vennero alla ribalta nel campo degli studi testamentari - sprizzano un’euforia che trapelerà sempre, in futuro, ogni qualvolta la questione in ballo sarà la parola ‘avvenimento’.

Giussani e Colombo
Com'è bello il mondo e com'è grande Dio.
Giussani, un sacerdote a cavallo di due epoche
II

C’è stato un giorno, parecchi anni fa, in cui andai a Roma in auto con don Giussani.
Era il 19 marzo del 1979.
Seduta al fianco del guidatore stavo io, perché don Giussani si ostinava, nonostante le mie offerte, a starsene seduto dietro.

Carla Vites - tramonto
Com'è bello il mondo e com'è grande Dio.
Giussani, un sacerdote a cavallo di due epoche
I

Ripensando - come alcune centinaia di persone stanno facendo i questo periodo - a Don Luigi Giussani, di cui il prossimo 15 ottobre cadrà il centenario dalla nascita, parecchie immagini, parole, fatti emergono nella mia mente.

Ritorno a casa
Pentimento e autolimitazione come categorie della vita nazionale

“Sant’Agostino ha scritto: “Che cosa è lo Stato senza la giustizia, Null’altro che una banda di ladroni”.

balleriva - articolo Carla Vites
Noi (non) balliamo da soli 

Quando ho pensato a questo titolo, sinceramente non stavo realizzando che proprio con ‘balli’, ballerine e accademie di ballo, mi è toccato avere a che fare come ignara ulteriore testimone di cosa significhi un clima di sopraffazione e prevaricazione creatosi pure qui, da noi, in Italia, dove siamo tutti convinti di vivere in un regime politico che si chiama ‘democrazia’.

Carla Vites - fotografia monumento
Bambine che giocano alla guerra

di Giovanni Lazzaretti

La guerra d’Ucraina c’entra parecchio con le elezioni, ma per capirlo bisogna rifare un minimo di storia. Condensatissima, lo prometto.

WANG_GUANGY_Ultima_Cena
1991: un secolo e parecchie guerre fa

Rivolgo un caro saluto, dopo la sbornia della arsura estiva, a chi accende il PC e si concede un piovoso (almeno dove sono io, piove) ritorno alle carlapensate.

Pasquale_Ciaramponi-Iride__invita__Achille_a_tornare_a_combattere
"Se guardassero con occhio sereno e libero da pregiudizi..." (H. Schliemann)

Afflitta dal grande caldo di questa torrida estate, trovo un po’ di conforto a leggere con quale e quanta ostinazione un caldo altrettanto torrido non riusciva ad impedire al mitico Heinrich Schliemann di salire, scendere, arrampicarsi e fare avanti e indietro lunghi sentieri a dorso di ronzini, in questi stessi questi giorni esattamente 154 anni fa, alla ricerca di Troia.

YUE_MINJUN_-_Digitalized_Survival
L'impossibile sognare

Mettersi, d’estate, a osservare le stelle accade quando sopraggiunge la notte.

il cielo sopra di noiIl cielo d'estate

Quando una persona si trova in un luogo dove non vorrebbe stare, capita che si metta, la notte, ad osservare le stelle.
In questa estate assetata praticamente senza mai una nuvola, attendo tutto il giorno la sera per mettermi sul balcone a guardare le stelle.

I. Grabar’, Crisantemi,1916
Una foto in bianco e nero

Nella foto in bianco e nero, con qualche macchietta qua e là regalo del tempo, si vedono bene un grande paio di occhi spalancati spuntare dalla spuma di tulle dell'abito del battesimo, pochi giorni dopo la nascita. E si vede bene anche un sorriso, bianco come il tulle dell'abitino dipingersi a lato, sulla destra, quello della mamma.

Carla Vites - vetrina
Tanto che a Lodi non c'arrivo mai

Minuta, l’abito di un viola tenue e un paio di ballerine blu ai piedi.
Il collo piegato per un’artrosi inclemente e il taglio di capelli tutti grigi alla garçonne.

il bun governo
Politica e la bella immagine

Impressionante leggere in un ‘intervista di un onorevole ‘cattolico’ e capo di una delle infinite formazioni partitiche succedute al crollo della vecchia Balena Bianca.

JPimenovLa_nuova_Mosca
A casa di Bloch

Una sera di tanti anni fa, Joseph Ratzinger si trovò ad una cena tra intellettuali riuniti in casa di Ernst Bloch, l’autore di Principio speranza, e accadde che la discussione si trovasse incagliata sul problema allora in espansione della droga. Ratzinger si sentì in dovere di commentare che nel Medioevo non esisteva un problema droga. Fu - come ricorda lui stesso - immediatamente gelato dagli sguardi attoniti ed infastiditi dell’uditorio.

La via crucis nella provincia di kursk
Bellezza russa


Un po' di bellezza russa

Messa antica
Lettera

 Inviata ad un sito cattolico che riproduco perché apre il cuore 

“Ho cinquantasette anni e sono stata atea per gran parte della mia vita, diciamo a esclusione degli ultimi due anni. Provengo da una famiglia di stretta osservanza socialista, e sebbene a suo tempo abbia ricevuto Comunione e Cresima (per non essere troppo diversa dai compagni di scuola), il catechismo non deve aver prodotto su di me un gran risultato dato che ho vissuto decenni di puro e mai annacquato convinto materialismo.

Carla Vites - articoli e news
Mamme guerre e verità

Le cose un po’ raccapriccianti, sono tante, come tutti ben sappiamo.
Nella mia vita, personalmente, non ne sono certo mancate.


I falò dell'ipocrisia

Copio qui sotto un articolo di Massimo Fini del 19 aprile 2022, che ritengo centri perfettamente tutto il pandemonio suscitato dalla vicenda russo-ucraina.
Avrei dovuto pubblicarlo prima giacché appare un po’ ‘datato’, ma rimane comunque perfettamente calzante.

Emile Fabry, L'uomo davanti al suo destino, 1897
Maria e le chiavi del tesoro

A Maria che mi telefona per chiedermi cosa intendevo quando, due settimane fa, scrivevo che don Giussani ci ha regalato una mappa del Tesoro e poi se ne è andato, portandosi via le chiavi del medesimo, vorrei rispondere con queste poche righe.

mare
Pace

Quando, oggi, in un messaggio augurale di Pasqua, mi son vista arrivare la frase classica sulla pace che la Pasqua dovrebbe portare a noi e al mondo intero, non ho potuto fare a meno di rispondere - ma non è una genialata mia, erano parole di Giovanni Paolo II, e, in genere, della Chiesa fin dalla sua fondazione che senza, verità, ‘pace’ è una parola vuota e ipocrita come vuote e ipocrite sono le fakes news che ci vengono servite quotidianamente da media e mainstream.


L'avventura di cominciare a camminare
(aprile il decennale)

Una delle cose più belle e che più mi fanno riflettere in questo mese di Aprile è ricevere i video dei miei due nipotini più piccoli che iniziano a camminare.

art
L'Allelujua smarrito

Dopo tanta Ucraina, dopotutto il chiasso infernale e le infernali corse al riarmo senza senso, infine stiamo pure sempre preparandoci alla Pasqua (forse).


Il piacere di qualcuno che ragiona
(troppo bello per la NATO)

Di Giovanni Lazzaretti
***
Non so se era l’unica via percorribile, ma la fine dell’URSS fu “fatta male”. Trasformare delle ripartizioni amministrative in Stati sovrani era forse un esito inevitabile, ma creava problemi immensi: creazione di eserciti, creazione di una politica estera, infrastrutture di uno Stato unitario che si sbriciolavano (pensiamo agli armamenti nucleari che si dovettero traslocare) e andavano ripensate.

Kiev
Troppo bella per la Nato 2

Riproduco qui parte dell’articolo, pubblicato il 19 u.s., da Pierluigi Fagan  “Ucraina axis mundi”

“Lavrov, il ministro degli esteri russo, ha detto a chiare lettere che il problema della pace con l’Ucraina non passa solo dalle relazioni e competizioni tra russi e ucraini, ma tra russi ed americani, via ucraini.

Carla Vites - Kiev
Vivere senza menzogna
(se Solzenicyn potesse vederci oggi)

Le guerre portano con sé sempre delle cose profondamente negative.
A me, questa ultima scoppiata per colpa della malafede occidentale, in Ucraina, sinceramente ha portato soprattutto due grandi cose positive:

Kiev
Troppo bella per la Nato

27/02/2022

10 anni fa esatti, anzi 10 anni e un mese fa, avendo programmato una visita ad un’amica, mi aggiravo, avvolta da un magico e gelido candore, per la  città attualmente sulla bocca di tutti: Kiev.

Carla Vites
Trent'anni dopo

Nel coro generale di celebrazioni per il trentennale di Tangentopoli, evento epocale scoppiato con Mario Chiesa sorpreso a gettare l’anticipo di una mazzetta nel WC del suo ufficio al Trivulzio, il 17 febbraio del ’92, pare ci si sia dimenticati di alcuni altri trentennali, non meno rilevanti per la nostra storia patria recente: il 12 Marzo veniva freddato, da Cosa Nostra, Salvo Lima, fedelissimo di Andreotti, poi, il 23 Maggio a Capaci, la strage di Falcone, la moglie e la scorta.

Tramonto in riva al mare di Caspar David Friederich
Sursum Corda
(Sennò ci spariamo)

Mi hanno colpito - e perciò lo riproduco - la sensibilità e l’acutezza di giudizio di Ferdinando Camon nel suo articolo dell’11 febbraio u.s.  sul Fatto quotidiano, e del Fatto stesso che lo ha pubblicato.
Non è infatti un quotidiano che solitamente mostri molta passione per la Chiesa, quella vera, intendo.

andreotti
Croci su scudi e pentole che bollono

Ho lavato accuratamente tutte le erbe ed erbette che la mia amica con l’orto mi ha regalato per fare il ripieno dei ravioli.
Le ho appunto lavate quanto più accuratamente mi era possibile e poi, ovviamente, le ho gettate in pentola a bollire.

minions
Vivere senza menzogna

 Aleksandr Solženicyn

"Un tempo non osavamo fiatare, neppure bisbigliare. E adesso scriviamo per il «Samizdat», lo leggiamo, e ritrovandoci nei fumoir degli istituti di ricerca diamo sfogo al nostro malcontento: Quante ne combinano quelli, dove ci stanno portando!

Carla Vites - articolo del 23 gennaio 2022
Dietro la siepe, il buio dietro il Colle, il ponte

Riflettendo sulla ‘inevitabile’ ascesa/direzione Colle - di Draghi a cui stiamo assistendo in questi giorni, non posso fare a meno di ripensare all'intervista di Ferruccio Pinotti ad Aldo Giannuli del 22 aprile 2021:
"Il nuovo assetto mondiale che andava creandosi nel primo dopoguerra, ha portato cattolici e laici, antagonisti storici nell’epoca dell’Italia unita, alla spartizione di potere in funzione anticomunista.

la cortigiana romana - Scipione
La nostra tristezza spirituale

"Con buona pace di Veritatis splendor e della nostra tristezza spirituale": queste le parole sgorgate dal profondo del cuore all’autore dell’articolo che riporto questa settimana: un’ennesima denuncia della mala pianta gesuitica, cioè del tentativo di rincorrere il mondo nel suo limite anziché da questo limite aiutarlo a rivolgersi con più decisione che mai alla verità.

Viggo Johansen - Glade Jul - 1891
Smontando l'albero di Natale

È un’operazione che si ripete ogni anno.
Prima, verso L’Immacolata - 8 dicembre - molti, come me, lo montano (adornandolo/decorandolo/illuminandolo), poi, dopo l’Epifania che ‘tutte le feste si porta via’, si smonta, si raccolgono i ninnoli vari in scatole che li proteggano avvolti in carta velina, e si ripongono in attesa del Natale che verrà.

Negri benedetto XVI
Medicanti con la porpora e mendicanti di Dio

Il Decreto Generale del 3 giugno 2021 (di poco precedente il Motu Proprio del 16 luglio 2021 con cui si tenta da parte del vaticano di imbavagliare i fedeli che celebrano secondo la Messa di sempre), porta in luce il filone che ha serpeggiato sempre, da dopo il Concilio in qua, attraverso il Gesuitismo criptoprotestantico di cui lo stesso Von Balthasar, gesuita egli stesso, dovette far le spese prima di tutti.

presepe Scolopi Chiavari
Per mari e per carceri in cerca del Natale

Nel pieno delle feste di Natale è un po’ strano pensare a un’isoletta, ad un luogo di tuffi e bagni al mare.

Gesù Bambino di Carlo
L'esperienza di un grande amore

Era così piena la Galleria Vittorio Emanuele di Milano vista oggi in televisione, così pressate le persone che vi ci si muovevano, così tribolata la reporter per aprirsi un varco in mezzo alla folla che rumoreggiava in piazza Duomo che, improvvisamente mi son scoperta a pensare se anche Cristo,

Carla Vites - tramonto sul mare
Dentro un vecchio cassetto

Ho riaperto per caso un cassetto colmo di vecchie cose e ho trovato quanto scrissi per la rivista Tempi anni addietro con il titolo propostomi da Amicone, “Tra entusiasmo sacro e debolezza di giudizio”.

Milano piazza S. Ambrogio
Domani, cento anni fa

L’Università Cattolica è stata ufficialmente fondata il 7 dicembre 1921, domani cento anni fa.
Non era il grandioso complesso di edifici che conosciamo oggi. 

Carla Vites
Come un casotto in un campo di cocomeri

È rimasta sola la figlia di Sion
come una capanna in una vigna,
come un casotto in un campo di cocomeri
come una città assediata”.
Isaia, 1, 1-18

carla vites
Le tre madri

di Alessio Musio 
(tratto da Vita e Pensiero)

L’attenzione dei giornali di queste ultime settimane è stata colta da una vicenda drammatica e inquietante legata al bio-business della maternità surrogata, in cui la generazione dei figli assume connotati sempre più simili alla produzione di merci che possono essere ordinate à la carte, e a cui si può, eventualmente, anche rinunciare pagando una penale.

Vivian Maier: The Color Work
Leopardi '37 e '82

Quando poco meno di un mese fa leggevamo sui vari media online del decesso di Luigi Amicone, appena sessantacinquenne, trovavamo varie cose, più o meno commoventi e sincere su di lui.


È un giorno di vento bestiale

È un giorno di vento bestiale.
Bora.
Tira da Nord e spazza tutto quanto incontra sulla sua strada, con una forza ed una violenza che rende quasi impossibile aprire le persiane.

Francisco de Zurbaran, Agnus Dei
Mistero senza età
- ripresa -

“Davanti alla potenza e alla divinità di Dio e allo splendore della sua bontà, particolarmente visibile nel sacramento dell’Eucaristia, si addice, infatti, che tutti nutrano e manifestino quel senso dell’adorabile maestà di Dio, che hanno ricevuto attraverso la passione salvifica del Figlio Unigenito.

Caro Luigi - Carla Vites
Caro amico(ne) ti scrivo

Caro Luigi,
oggi è il giorno del tuo funerale, e io sono qua nel paesino di mare dove anche grazie a te sono finita a vivere.

un'estate in Svezia
Dedicato ad Anna
e all'estate che finisce

All'appello alle fotografie che ricordano la nostra estate ha risposto Anna.
E io le sono grata.

Totus Tuus
Nostalgia di un Museo o della Verità

Con il consueto piglio terrificante il Papa attuale ha dato il via ai lavori della Congregazione Generale dei vescovi in Vaticano.
Il tema, in linea con la cripto (ma neanche poi tanto cripto) protestantizzazione della Chiesa cattolica, è la ‘sinodalità’ nella Chiesa.

Trani Cristo processionale
Lettera ad un amico che ci ha lasciati
Pier Alberto Bertazzi

Caro Pier,
leggo, su un sito internet, per caso solo oggi della tua dipartita.
Te ne sei andato il 15 settembre scorso.
Tutto d’un tratto mi sei tornato in mente, con quei tuoi occhi grandi un po’ velati di timore, lì in quella libreria accanto santa Maria delle Grazie, dove per l’ultima volta ci siamo incontrati, al tempo dell’infuriare giudiziario su di me e la mia famiglia.

Carla Vites - Norcia tramonto
Confusi e confusionari

“Era il 1958, ascendeva al soglio pontificio - bonario, tollerante, arguto ma forse anche confuso e confusionario - angelo Roncalli, Giovanni XXIII”.

Carla Vites - Norcia Tramonto di Settembre
La guerra dei moti proprii
(e intanto la sera scende)

Nel breve commento che accompagna il motu proprio Traditionis custodes il Pontefice non avanza scrupoli dottrinali, non mette cioè in discussione l’ortodossia del rito preconciliare, ma ne denuncia «l’uso strumentale» che se ne farebbe, «sempre di più caratterizzato da un rifiuto crescente non solo della riforma liturgica, ma del Concilio Vaticano II, con l’affermazione infondata e insostenibile che abbia tradito la tradizione».


Paura di essere se stessi

Questi due testi, assieme ad altri, sono stati raccolti in un volumetto dal titolo “La Chiesa del Concilio”, uscito nel novembre 1985 per i tipi di ISTRA, Istituto Studi per la Transizione, genialmente ideato tempo fa, da alcuni studiosi appartenenti ad un’area vicina a Comunione e Liberazione.


Quantum Potes Tantum Aude

Ho pensato di chiudere la ‘produzione’ dell’anno (tra poco mi metterò in modalità stand by, per il caldo e - si spera - un po’ di vacanza) con questo appello /difesa /invocazione che giunge d’Oltralpe, dalla Francia, dove il Priore di un monastero benedettino si spende per richiamare alla lucidità e alla vera carità verso Dio, tutelando la bellezza del rito a Lui dovuto.

Vincenzo Cabianca
Evagatio Mentis

Ci fu un tempo in cui il Trascendente, pur ponendosi come assoluto, cioè qualcosa che, se c’è, non c’è altro che conti veramente, non rappresentava una minaccia.

lago di Resia
Al peggio non c'è mai fine

"Tutta la vita di una società, le decisioni politiche e personali, possono fondarsi su una dittatura del falso, cioè di quel modo in cui le cose vengono rappresentate e riferite, in luogo della realtà stessa.


Differenze senza desinenze

Secondo taluni che ci è dato ascoltare, all’interno della Chiesa oggi, le differenze contano tantissimo.
Sono da rispettare e valorizzare senza mezzi termini.

M. Carrieri - P. Carrieri
A futura memoria

Grazie alle ultime guerre fratricide tra magistrati, capita di vedere in TV la faccia di PM che mai più avresti pensato di rivedere.

Carla Vites - Giorni di risacca
Giorni di risacca

Ci sono giorni, come questi, che la bella stagione è indecisa se uscire allo scoperto o no, lancia delle avvisaglie del suo arrivo, tutti si spogliano, taluni si avventurano a mettersi in acqua nel mare anche se poi se ne scappano rapidi, e poi così come sembrava che fosse caldo ritorna il vento gelido dell’Est.

Carla Vites - La salvezza viene dal freddoLa salvezza viene dal freddo

Nelle sue ‘Memorie di un figlio del secolo’, de Musset, a metà dell’800, esattamente come chiunque di noi all’inizio del secondo Millennio, è a disagio.

Carla-VitesE noi che facciamo la capanna col bue e l'asinello

Al centro di Piazza San Pietro troneggia una tensostruttura metallica, frettolosamente decorata con una luce tubolare, sotto la quale si ergono, inquietanti come totem, poche orribili statue che nessuna persona dotata di senso comune oserebbe identificare con i personaggi della Natività.


Dio si nasconde in un bambino

Nell’ennesimo e, per ora, ultimo messaggio agli italiani del presidente del Consiglio, c’è stato il riconoscimento che “Natale non si può sottovalutare”.

Carla Vites - questione Gender
Voce di qualcuno che grida nel deserto

la questione è la verità
La questione è la verità

In un determinato momento storico, si è pensato di poter “tornare alla semplicità dei Vangeli”, ritenendo che fosse ora di spolverare via da essi la patina dorata del dogma.
Ci si è poi accorti, però, che così la figura di Gesù nei Vangeli dovrebbe ridursi a quella di un compiacente filantropo.

Carla Vites - Tramonto
Padre Nostro

condivido pienamente

di Aldo Maria Valli

“Vorrei spiegare in due parole perché continuerò a recitare il Padre nostro dicendo “e non ci indurre in tentazione” e quindi non adotterò la nuova traduzione secondo la quale dovrei dire “e non abbandonarci alla tentazione”.

Carla Vites - qualcosa che continuamente scompare
Qualcosa che continuamente scompare

“Forse l’altro ci è dato come qualcosa che continuamente scompare”.

Carla Vites - Di cieli parole e motivi per credere
Di cieli parole e motivi per credere

Sotto uno stesso cielo, quindi abitando dalla stessa parte del mondo, accade, talora, di vedere cose completamente diverse.

Carla Vites - c'era una volta
C'era una volta

Il bello di un trasloco, per quanto orrida possa essere stata la motivazione a farlo, è che si è costretti a rivoltare cassetti, scansionare scaffali e - gettandone via parecchia - riordinare roba di vario genere.


"Tu Milano affamata, angustiata, restasti come fuori di te, stupita, incantata"

In occasione del 4 Novembre, desidero ricordare Milano e le sue sofferenze attuali come sono capace, parlando di san Carlo che-di sofferenza dovute a flagelli epidemici - ne visse esperienza diretta.

Carla-Vites-Quest'epidemia  e questa strage così grave-Carla-Vites
"Quest'epidemia e questa strage così grave..."
(Incipit del memoriale federiciano sulla peste del 1630)

A Milano stava per iniziare, due giorni dopo, il ‘coprifuoco’.

La chiesa e l'occidente abbandonano i cristiani armeni al massacro - Carla Vites
La chiesa e l'occidente abbandonano i cristiani armeni al massacro

 

(da F. Perretta)

La regione caucasica del Nagorno-Karabakh, da sempre abitata da popolazioni armene, fu arbitrariamente sottomessa all’Azerbaigian nel 1923 da Stalin, con finalità evidentemente anticristiane.


Amore che salva, amore che uccide

"È inoltre uno strumento etico, in quanto consente di evitare momenti critici che di solito sono a carico solo delle ragazze".

Carla Vites - Ricordi d'estate
Ricordi d'estate

Girovagando d’estate per il mondo, può infine capitare di trovarsi a Cascia.

Carla Vites - alba a Lavagna
Voglia di Joseph

L’università Cattolica si fa promotrice di un convegno su "Migranti ed appartenenze religiose" per scoprire così "La religione del migrante come sfida per la società e per la Chiesa".

Svetlana Nikolic
Il potere del telaio 

“Credo che, prima di tutto, volessi esser parte di qualcosa” (Edward Snowden, Errore di sistema, Tea ed.,2020)

ludwig-knaus
E qualcosa rimane

Avevo già scritto tutto, quando poche ora fa, inaspettatamente, mi è giunto dalla Spagna un messaggio WhatsApp con foto.
Ed allora riapro per aggiungere questo.

Carla Vites - tramonto fine agosto 2020
Un'estate rahneriana

«San Tommaso non ha interpretato la parola di Dio alla luce della scienza del suo tempo, ma la scienza del suo tempo alla luce della parola di Dio».

CL: Quando Don Luigi Giussani auspicava una Chiesa che non fosse “cortigiana della storia”, ma “protagonista”
CL: Quando Don Luigi Giussani auspicava una Chiesa che non fosse “cortigiana della storia”, ma “protagonista”

Riportiamo - condividendolo per intero e ringraziando per la sua acutezza e chiarezza l’autore - l’articolo di commento per la chiusura del Meeting di Rimini 2020 pubblicato da Stefano Fontana sull'ultimo numero del Bollettino del Van Thuan Observatory per la  Dottrina sociale della Chiesa.


Sensazione

G. Previati, Madonna dei Gigli - articolo di Carla Vites
L'estate delle mamme

Nell'arco di pochi giorni, nel cuore di questa estate fluttuante, oltre che nel sudore, nel disinfettante, ben due mamme di due amiche se ne sono andate per sempre.


Cappuccini. Belli & Commoventi

Un cappuccino come tanti bevuti nei bar, per esempio di casa tua, a Milano, acquista subito un tono di stupefacente bellezza e commozione se bevuto, per esempio, in un container - prefabbricato dal tono vagamente tirolese, però, a Norcia. Più precisamente nelle ‘casine di legno fuori delle mura’ dove - come indicato da cartelli e cartelloni sparsi in città sulle rovine “ci siamo trasferiti causa terremoto”.

Carla vites albero bello
Sull'albero con me

Lei, la piccolina di 5 anni, voleva salire sull'albero con me.

Carla Vites
Così profondamente amato e venerato
(seguito) 4

Non penso proprio che Leonardo Sciascia abbia mai conosciuto personalmente, ovvero si sia mai intrattenuto a disquisire su questioni liturgiche con i Cardinali Ottaviani e Bacci.


Così profondamente amato e venerato
(seguito) 3

Nel corso dei traslochi - dovendo rimettere a posto le cose strappate dal loro naturale contesto dentro cui, ormai, si riconoscevano - capita di imbattersi in scatole e scatoloni di fotografie.

Carla Vites -
Così profondamente amato e venerato

(seguito)

Talora, improvvisamente, una cosa bella con cui ci stiamo impegnando, avventurosamente o meno, ma con passione, si trasforma per chissà quale strana magia, nell'opposto esatto di quanto credevamo di stare avendo tra le nostre mani.

Così profondamente amato e venerato
Così profondamente amato e venerato

Era una domenica mattina ed io - come al solito - mi accingevo a partecipare alla Messa delle 8, e - come al solito - mi attendevo una ormai consueta celebrazione per persone anziane o deluse dalla vita.

Carla Vites
Pandemia, dottrina sociale e sirene
Cosa c'è di nuovo (?) sotto il sole

Molto colpita dalla consueta precisione e acutezza di giudizio di Gotti Tedeschi, desidero riproporre stralci di una sua recente intervista concessa a Samuele Ceccotti.


Tutto ha avuto inizio al Cairo

(di Edward Pentin)

"Alla Conferenza del Cairo su ‘Popolazione e sviluppo ’ (1994) e, poi, in quella di Pechino sulla donna (1995) il presidente della delegazione della Santa Sede, card. Martino, Osservatore permanente all’ONU, portava avanti una linea di netta opposizione alle direttive ONU, allora ampiamente sostenute da USA e Unione Europea.

Edward_Burne_Jones
L'importanza della rosa

“Né più nel cor mi parlerà lo spirito
delle vergini Muse e dell’amore
unico spirto a mia vita raminga”
Foscolo, I sepolcri

Carla Viotes - questioni da bisonti
Questioni da bisonti

Secondo un servizio trasmesso su Focus TV sussiste un grosso problema ora che, importandoli dall’Europa del Nord, un trio di bufali verrà ‘costretto’ ad essere libero in un territorio scelto ad hoc sui Carpazi.

Il Caos e il centro
Il Caos e il centro
(via il lock resta il down)

Non sapendo se questa sarà una Fase due o un ritorno a Fasi meno uno addirittura, lo scoraggiamento cammina   fianco a fianco della legittima esultanza per avere ricevuto il ‘condono’ dai domiciliari.

Carla Vites - Due mesi, matite colorate e cento scrittiDue mesi, matite colorate e cento scritti

Lunedì 27, quando questo ‘articoletto’ uscirà sulla home page, anch'io sarò uscita.
Di casa. Dopo due mesi esatti.

Carla Vites - Là per non dire quaLà per non dire qua

La madre stava per morire.
Se Pirandello non parlava della sua propria, ma di quella del protagonista della sua novella, pochissimo cambiava.

Nessun perché a motivarne il rifiuto

Ma Cristo è veramente risorto.
Dedico la home page della settimana di Pasqua per ricordare e riflettere - attraverso uno scritto di Stefano Fontana - su una personalità particolarmente importante tra quanti hanno creduto e testimoniato che ‘Cristo è veramente risorto’.

Carla Vites - Morire in primaveraMorire in primavera

Il breve spazio concesso per arraffarsi un po’ di sole (almeno per coloro i quali - come me - non dispongono di terrazzi con affaccio sud) è sufficiente per accorgersi che il cielo è splendido, col suo azzurro soffuso di letizia: è, infatti, Primavera.

Carla Vites - Carnevale anche in QuaresimaCarnevale anche in Quaresima

Basta un articoletto in fondo pagina di un giornale che - come tanti altri reclusi di oggi - ti compri per ‘evadere’ dal recinto casalingo in cui - non essendo neppure casa tua - ti sei venuta a trovare e, di colpo, anziché attraverso una banale finestra, l’evasione ti risucchia in un vortice profondo.

Carla Vites - È il primo giorno di PrimaveraÈ il primo giorno di Primavera

Voglio premettere a tutto quanto posso aver ‘inventato’ questa settimana per la home page, la mia scoperta.