"L'essere ignota non impedisce alla verità di essere vera"
(Richard Bach)

Reazioni ecclesiali iniziali 
(1) Il lungo e preparato processo di dissoluzione del concetto cristiano di moralità è stato, come ho cercato di mostrare, segnato da un radicalismo senza precedenti negli anni '60. Questa dissoluzione dell'autorità di insegnamento morale della Chiesa doveva necessariamente avere un effetto sulle diverse aree della Chiesa. Nel contesto dell'incontro dei presidenti delle conferenze episcopali di tutto il mondo con Papa Francesco, la questione della vita sacerdotale, così come quella dei seminari, è di particolare interesse. Per quanto riguarda il problema della preparazione per il ministero sacerdotale nei seminari, c'è in realtà una profonda rottura con la precedente forma di questa preparazione.
In vari seminari sono stati istituiti gruppi omosessuali, che hanno agito più o meno apertamente e hanno cambiato significativamente il clima nei seminari. In un seminario nella Germania meridionale, i candidati al sacerdozio e i candidati al ministero della pastorale dello specialista pastorale [ Pastoralreferent ] hanno vissuto insieme. Ai pasti comuni, i seminaristi e gli specialisti pastorali mangiavano insieme, sposati tra i laici a volte accompagnati dalle loro mogli e figli, e occasionalmente dalle loro fidanzate. Il clima in questo seminario non ha potuto fornire supporto per la preparazione alla vocazione sacerdotale. La Santa Sede sapeva di tali problemi, senza essere informata con precisione. Come primo passo, fu organizzata una Visita Apostolica di seminari negli Stati Uniti.
Poiché anche i criteri per la selezione e la nomina dei vescovi erano stati modificati dopo il Concilio Vaticano II, anche il rapporto dei vescovi con i loro seminari era molto diverso. Soprattutto, un criterio per la nomina di nuovi vescovi era ora la loro "conciliarità", che naturalmente poteva essere intesa nel senso di cose piuttosto diverse.
In effetti, in molte parti della Chiesa, gli atteggiamenti conciliari erano intesi come aventi un atteggiamento critico o negativo nei confronti della tradizione finora esistente, che ora doveva essere sostituita da una nuova relazione radicalmente aperta con il mondo. Un vescovo, che in precedenza era stato rettore del seminario, aveva organizzato per i seminaristi la proiezione di film pornografici, presumibilmente con l'intenzione di renderli così resistenti a comportamenti contrari alla fede.
C'erano - non solo negli Stati Uniti d'America - singoli vescovi che respinsero la tradizione cattolica nel suo complesso e cercarono di creare una sorta di "cattolicità" moderna e moderna nelle loro diocesi. Forse vale la pena ricordare che in non pochi seminari, gli studenti presi a leggere i miei libri erano considerati inadatti al sacerdozio. I miei libri erano nascosti, come cattiva letteratura, e si leggevano solo sotto la scrivania.
La visita che ora ha luogo non ha portato nuove intuizioni, apparentemente perché i vari poteri hanno unito le forze per nascondere la vera situazione. Una seconda visita è stata ordinata e ha portato molte più informazioni, ma nel complesso non è riuscita a raggiungere alcun risultato. Nondimeno, dagli anni '70 la situazione nei seminari è generalmente migliorata. Eppure, solo casi isolati di un nuovo rafforzamento delle vocazioni sacerdotali avvenivano mentre la situazione generale aveva preso una svolta diversa.
(2) La questione della pedofilia, come ricordo, non è diventata acuta fino alla seconda metà degli anni '80. Nel frattempo, era già diventato un problema pubblico negli Stati Uniti, tale che i vescovi di Roma cercavano aiuto, dal momento che il diritto canonico, come è scritto nel nuovo Codice (1983), non sembrava sufficiente per prendere le misure necessarie.
Roma e i canonisti romani all'inizio avevano difficoltà con queste preoccupazioni; a loro avviso la sospensione temporanea dall'ufficio sacerdotale doveva essere sufficiente per portare alla purificazione e al chiarimento. Questo non poteva essere accettato dai vescovi americani, perché i sacerdoti rimanevano così al servizio del vescovo, e quindi potevano essere considerati [ancora] direttamente associati a lui. Solo lentamente, un rinnovamento e un approfondimento della legge criminale deliberatamente costruita del nuovo Codice ha cominciato a prendere forma.
Inoltre, tuttavia, c'era un problema fondamentale nella percezione della legge penale. Solo il cosiddetto garante [una sorta di protezionismo procedurale] era ancora considerato come "conciliare". Ciò significa che soprattutto i diritti dell'imputato dovevano essere garantiti, in una misura che escludeva di fatto qualsiasi condanna. Come contrappeso alle opzioni di difesa spesso inadeguate disponibili per i teologi accusati, il loro diritto alla difesa a titolo di garanzia è stato esteso a tal punto che le condanne erano quasi impossibili.
Concedetemi un breve excursus a questo punto. Alla luce della scala della cattiva condotta pedofila, una parola di Gesù è tornata all'attenzione che dice: "Chiunque causi a uno di questi piccoli che credono in me peccare, sarebbe meglio per lui se una grossa macina fosse appesa al suo collo e fosse gettato nel mare "(Marco 9:42).
La frase "i piccoli" nella lingua di Gesù significa i credenti comuni che possono essere confusi nella loro fede dall'arroganza intellettuale di coloro che pensano di essere intelligenti. Quindi qui Gesù protegge il deposito della fede con una enfatica minaccia di punizione per coloro che fanno del male.
L'uso moderno della frase non è di per sé sbagliato, ma non deve oscurare il significato originale. In questo senso, diventa chiaro, contrariamente a qualsiasi garanzia, che non è solo il diritto dell'imputato che è importante e richiede una garanzia. Grandi beni come la Fede sono ugualmente importanti.
Una legge canonica equilibrata che corrisponda all'intero messaggio di Gesù deve quindi non solo fornire una garanzia per l'accusato, il rispetto per chi è un bene legale. Deve anche proteggere la Fede, che è anche un importante valore legale. Un diritto canonico adeguatamente formato deve quindi contenere una doppia garanzia: protezione legale dell'imputato, protezione giuridica del bene in gioco. Se oggi si propone questa concezione intrinsecamente chiara, generalmente essa cade inascoltata quando si tratta della questione della protezione della fede come bene legale. Nella consapevolezza generale della legge, la Fede non sembra più avere il rango di un bene che richiede protezione. Questa è una situazione allarmante che deve essere considerata e presa sul serio dai pastori della Chiesa.
Vorrei ora aggiungere, alle brevi note sulla situazione della formazione sacerdotale al momento dello scoppio della crisi, alcune osservazioni sullo sviluppo del diritto canonico in materia.
In linea di principio, la Congregazione del Clero è responsabile della gestione dei crimini commessi dai sacerdoti. Ma poiché il garantismo dominava in gran parte la situazione in quel momento, ero d'accordo con Papa Giovanni Paolo II sul fatto che fosse opportuno assegnare la competenza per questi reati alla Congregazione per la Dottrina della Fede, sotto il titolo "Delicta maiora contra fidem”.”
Questo accordo ha anche permesso di imporre la pena massima, cioè l'espulsione dal clero, che non avrebbe potuto essere imposta in base ad altre disposizioni legali. Questo non era un trucco per essere in grado di imporre la pena massima, ma è una conseguenza dell'importanza della Fede per la Chiesa. In effetti, è importante vedere che tale cattiva condotta da parte dei chierici finisce per danneggiare la Fede.
Solo dove la Fede non determina più le azioni dell'uomo, tali reati sono possibili.
La gravità della pena, tuttavia, presuppone anche una chiara prova del reato - questo aspetto del garante resta in vigore.
In altre parole, al fine di imporre la pena massima legittimamente, è necessario un vero procedimento penale. Ma sia le diocesi che la Santa Sede furono travolte da tale esigenza. Pertanto, formulammo un livello minimo di procedimenti penali e lasciammo aperta la possibilità che la stessa Santa Sede subentrasse nel processo dove la diocesi o l'amministrazione metropolitana non sono in grado di farlo. In ogni caso, il processo dovrebbe essere esaminato dalla Congregazione per la Dottrina della Fede al fine di garantire i diritti dell'imputato. Infine, nella Feria IV (cioè l'assemblea dei membri della Congregazione), abbiamo istituito un'istanza di appello per prevedere la possibilità di un appello.
Poiché tutto questo in realtà è andato oltre le capacità della Congregazione per la Dottrina della Fede, e poiché si sono verificati ritardi che dovevano essere evitati a causa della natura della questione, Papa Francesco ha intrapreso ulteriori riforme.