"La questione non è dimostrare
o meno che discendiamo dalle  scimmie;
quello che va tenuto fermo è di non risalirci"

Gustave Flaubert

La sposa canta

Ite bella sa manu como chi juchet s’aneddu ‘e oro.

Deus ch’est soberanu m’hat nau a istimare custu tesoro,
intro ‘e su coro meu a lu bramare forte,
chircandeli recreu gai in sa bona e in sa mala sorte.

Cando si bortat die m’accollit su cunfortu,
d’essere accurzu a chie dae custu affettu mai siat isortu.

Come bella la mano ora che porta l’anello d’oro.
Dio che è sovrano mi ha detto di stimare questo tesoro,
di bramarlo forte dentro il mio cuore,
cercando per lui ristoro sia nella buona che nella cattiva sorte.
Quando termina il giorno mi coglie il conforto,
di essere vicino a chi da questo affetto non sarà mai sciolto.