"La questione non è dimostrare
o meno che discendiamo dalle  scimmie;
quello che va tenuto fermo è di non risalirci"

Gustave Flaubert

Venticinque anni dopo...

Venticinque anni fa, l'8 febbraio del 1994, il Parlamento Europeo votò una risoluzione che invitava gli Stati europei a promuovere e a tutelare giuridicamente l'omosessualità.

Nell'Angelus del 20 febbraio 1994 il Santo Padre Giovanni Paolo II si rivolse all'opinione pubblica mondiale affermando che «l'approvazione giuridica dell'omosessualità non è ammissibile (…) Con la Risoluzione del Parlamento Europeo si è chiesto di legittimare un disordine morale. Il Parlamento ha conferito indebitamente un valore istituzionale a comportamenti devianti, non conformi al piano di Dio.
Oggi, uno dopo l'altro, i principali Stati europei, compresi quelli più di più antica tradizione cattolica, hanno elevato la sodomia a bene giuridico, riconoscendo, sotto diversa forma, il cosiddetto “matrimonio omosessuale” e introducendo il reato di “omofobia”. I Pastori della Chiesa, che avrebbero dovuto opporre un'infrangibile diga all'omosessualizzazione della società promossa dalla classe politica e dalle oligarchie mediatico-finanziarie, l'hanno di fatto favorita con il loro silenzio. Perfino ai vertici della Chiesa, si è diffusa come una metastasi la pratica dell'omosessualità e una cultura detta “gay-friendly” che giustifica e incoraggia il vizio omosessuale. 
Mons. Athanasius Schneider, vescovo ausiliare di Astana, in un messaggio del 28 luglio 2018, ha affermato che «siamo testimoni dell'incredibile scenario in cui alcuni sacerdoti e persino vescovi e cardinali, senza arrossire, stanno già offrendo i grani d’incenso all'idolo dell'ideologia dell'omosessualità ossia del gender sotto l'applauso dei potenti di questo mondo, cioè, sotto l'applauso dei politici, dei social media e delle potenti organizzazioni internazionali».
L'arcivescovo Carlo Maria Viganò, nella sua storica testimonianza del 22 agosto 2018, ha denunciato, con nomi e circostanze precise, l'esistenza di una «corrente filo omossessuale favorevole a sovvertire la dottrina cattolica a riguardo dell'omosessualità»  e la presenza di «reti di omosessuali, ormai diffuse in molte diocesi, seminari, ordini religiosi, ecc.», che «agiscono coperte dal segreto e dalla menzogna con la potenza dei tentacoli di una piovra e stritolano vittime innocenti, vocazioni sacerdotali e stanno strangolando l'intera Chiesa».
Queste voci coraggiose sono rimaste fino ad oggi isolate.