"Non conosciamo mai la nostra altezza
finché non siamo chiamati ad alzarci.
E se siamo fedeli al nostro compito
arriva al cielo la nostra statura"

E.Dickinson

Venticinque anni dopo...

Venticinque anni fa, l'8 febbraio del 1994, il Parlamento Europeo votò una risoluzione che invitava gli Stati europei a promuovere e a tutelare giuridicamente l'omosessualità.

Nell'Angelus del 20 febbraio 1994 il Santo Padre Giovanni Paolo II si rivolse all'opinione pubblica mondiale affermando che «l'approvazione giuridica dell'omosessualità non è ammissibile (…) Con la Risoluzione del Parlamento Europeo si è chiesto di legittimare un disordine morale. Il Parlamento ha conferito indebitamente un valore istituzionale a comportamenti devianti, non conformi al piano di Dio.
Oggi, uno dopo l'altro, i principali Stati europei, compresi quelli più di più antica tradizione cattolica, hanno elevato la sodomia a bene giuridico, riconoscendo, sotto diversa forma, il cosiddetto “matrimonio omosessuale” e introducendo il reato di “omofobia”. I Pastori della Chiesa, che avrebbero dovuto opporre un'infrangibile diga all'omosessualizzazione della società promossa dalla classe politica e dalle oligarchie mediatico-finanziarie, l'hanno di fatto favorita con il loro silenzio. Perfino ai vertici della Chiesa, si è diffusa come una metastasi la pratica dell'omosessualità e una cultura detta “gay-friendly” che giustifica e incoraggia il vizio omosessuale. 
Mons. Athanasius Schneider, vescovo ausiliare di Astana, in un messaggio del 28 luglio 2018, ha affermato che «siamo testimoni dell'incredibile scenario in cui alcuni sacerdoti e persino vescovi e cardinali, senza arrossire, stanno già offrendo i grani d’incenso all'idolo dell'ideologia dell'omosessualità ossia del gender sotto l'applauso dei potenti di questo mondo, cioè, sotto l'applauso dei politici, dei social media e delle potenti organizzazioni internazionali».
L'arcivescovo Carlo Maria Viganò, nella sua storica testimonianza del 22 agosto 2018, ha denunciato, con nomi e circostanze precise, l'esistenza di una «corrente filo omossessuale favorevole a sovvertire la dottrina cattolica a riguardo dell'omosessualità»  e la presenza di «reti di omosessuali, ormai diffuse in molte diocesi, seminari, ordini religiosi, ecc.», che «agiscono coperte dal segreto e dalla menzogna con la potenza dei tentacoli di una piovra e stritolano vittime innocenti, vocazioni sacerdotali e stanno strangolando l'intera Chiesa».
Queste voci coraggiose sono rimaste fino ad oggi isolate.