"L'essere ignota non impedisce alla verità di essere vera"
(Richard Bach)

- “Certo loro si interessano enormemente di cose che noi non curiamo né molto né poco”
- “Vostra madre è molto religiosa immagino”.
- “Sì, va sempre in chiesa”
- “Ah! Non è moderna, allora. A proposito, dovreste imparare ad annodarvi meglio la cravatta. Il sentimento va benissimo quando si tratta di scegliere il fiore da mettere all'occhiello, ma per la cravatta l’essenziale è lo stile.
Un bel nodo di cravatta è il primo passo serio della vita”.
- “Non vi siete mai sposato, Lord Illingworth”?
- “Gli uomini si sposano perché sono stanchi; le donne perché sono curiose.
Una delusione per tutti”.
- “Ma non credete che si possa essere felici nel matrimonio”?
- “La felicità di un uomo sposato, mio caro, dipende dalla donne che non ha sposato”.
- “Ma se si è innamorati”?
- “Bisognerebbe sempre essere innamorati: questa è la ragione per la quale non ci si dovrebbe mai sposare”
- “L’amore è una cosa meravigliosa, non è vero”?
- “Quando si è innamorati si comincia con l’ingannare se stessi e si finisce con l’ingannare gli altri”.
- “Voi ed io, cara mrs. Arbuthnot siamo rimaste indietro. Non possiamo seguire Mr.Illingworth.
Si sono presi troppa cura della nostra educazione. Essere state ben educate è un grande svantaggio al giorno d’oggi. Vuol dire essere escluse da una quantità di cose”.
- “Ma lo scopo della vita, se pur ve n’è uno, è semplicemente quello di essere sempre alla ricerca di tentazioni. Non ce ne sono mai abbastanza. A volte passo un’intera giornata senza imbattermi in una sola tentazione. E’ proprio spaventoso. Rende nervosi per quel che riguarda il futuro”.
- “Questo spero di ricordarmelo, ma comincio a scordarmi di tutto. E’ una grande disgrazia”.
- “Nessuna donna dovrebbe avere memoria. La memoria in una donna segna il principio della trascuratezza”.
- “La maggior parte delle donne oggigiorno si accontenta di arredare il suo appartamento con nient’altro che orchidee, forestieri e romanzi francesi. Ma ecco qui una dolce e santa creatura. Fiori freschi naturali. Libri che non urtano. Quadri che si possono guardare senza arrossire.
- “Gli uomini semplicemente non capiscono che cosa siano le madri.
Per generarti ho guardato in faccia la morte.
Per nutrirti ho dovuto lottare con la morte.
Ti ho conteso alla morte.
Tutte le donne lottano con la morte per salvare i propri figli.
La morte, che non ha figli, vuole strapparci i nostri.
Tu, figlio, eri nudo e ti ho vestito.
Avevi fame e ti ho nutrito.
Tutte le notti e tutti i giorni di quei lunghi inverni ho vegliato su di te.
Nessun dovere è troppo umile, nessuna occupazione è troppo bassa per la creatura del nostro amore…e quanto ti ho amato!
Tu avevi bisogno d’amor perché eri debole e soltanto l’amore poteva tenerti in vita.
Solo l’amore può tenere in vita.
E i bambini sono così spensierati e senza accorgersene ci fanno male, e noi ci illudiamo sempre che quando saranno diventati uomini e ci conosceranno meglio, ci sapranno ricompensare!
Ma non è così.
Cercano divertimenti dai quali noi siamo escluse e interessi che non sono i nostri e spesso sono così ingiusti con noi: se provano che la vita è amara ne danno la colpa a noi; se vi trovano qualche dolcezza noi non la gustiamo con loro. Ed io era a te che pensavo sempre”.
- “Questo è il suo difetto principale. Si dovrebbe interessarsi della gioia, della bellezza, del colore della vita. Meno si parla dei mali della vita, meglio è”.

Oscar Wilde, da "Una donna senza importanza

(immagine: De Nittis "Colazione in giardino") 


consigli di lettura